mercoledì 2 aprile 2008

Poesie dedicate a Mazara del Vallo

Mazara del Vallo
A vint'anni, pi mezzu di lu mari,
dunni piscavi sonni e poesia,
tra un ciuciuliu di milli marinari,
beddra Mazara, canuscivi a tia.
Nni li 'to acqui e nni lu 'to parlari
'ntisi a lu cori 'na gran profezia,
'na cosa dintra l'alma, un tirribilia...
Lu richiamu di tutta la Sicilia.

Pirchì nni tia, cu ascuta p'un mumentu,

cu l'anima e la menti, la 'to vuci,
resta cu l'occhi chini di 'na luci
fatta di vuluntà e sintimentu.
Cu 'ssa to vuci, quann'è tramuntana,
forsi Tu parli all'Africa luntana.


Mi 'ncuntrai cu Tia ed avia vint'anni,
e 'nta la vuci di lu to' sartiami
'ntsi na vintuliata di richiami
inabissati a li pirduti anni.
Ddi richiami c'ancora nun su' smunti
ma chi cantanu sempri a Selinunti.


'Nta l'anima 'ssa Vuci mi purtavi,
e lu tempu passava chianu - chianu.
Ora, dda vuci, chi un jornu ascutavi,
è divintata focu di vulcanu,
'na festa di progressu, un tirribilia,
pi cui surda 'un pò stari la Sicilia.


Na vuci fatta di mari e di venti
chi scoti a cui nun vosi mai capiri
chi 'sta Sicilia avi 'n'avviniri
pi ddri ricchizzi, sparsi in Continenti.
'na vuci', sta genti di marina,
c'un si ferma a lu "Strittu di Messina"


Mazara, ntra lu cori, sù convintu
c'avrai cuntrasti, speci supraventu.
Ma sù convintu chi farai pi centu
e lu cuntrastu, stessu sarà vintu.
Nuddru lu 'ntsi. d'accussi vicinu,
comu lu 'ntisi iu lu tò distinu..


Nun fi ccà lu puntu di partenza
di chiddra civiltà mediterranea
chi, comu 'na vintata subitania,
l'Europa arricchiu di nova scienza?
Nun si furmaru ccà la so' figura
d'Italia lu progressu e la cultura?


Mari, distinu della terra mia
amuri e pani di la nostra genti,
spittaturi di granni avvinimenti
dunni affunnamu 'sta malincunia,
'sta terra duna vrazza, menti e cori,
ridacci, pi diruttu, li tesori.


Mari di sicilia, nostri amuri,
nostra spiranza, nostra gioia vera,
chi nni ,duni l'eterna primavera,
la luci di st'azzurru 'nacntaturi,
Jò ti salutu cu 'sti mè pinseri
chi svintulianu comu li banneri.


T'affidu di Sicilia lu distinu,
la vita di li nostri marinari,
li figghi, chi ti vòsiru lassari...
Pi ristari abbrazzati a tia vicinu.
T'affidu, o mari nostru, mari Granni,
tuttu l'amuri di li mè vintanni.


Arrivederci, mari di Mazara
chi cu chiddru di Sciacca sì 'na vuci
tutta la nostra genti marinara.
Lu tò distinu, amuri, è'ssi infinitu...
Sarpa la prua, e viva Santu Vitu!


Sarpa la prua o Sciacca marinara,
e cu Maria Santissima a timuni,
pigghia lu fora a ciancu di Mazara
e lassu "tutturinu" e "ghimmuluni".
Faciti 'nta lu mari un tirribilia
e arruspigghiati tutta la Sicilia!


L'autore di questa bella poesia è Vincenzo Licata. Rappresenta una delle voci più significative della più recente poesia dialettale siciliana. Scomparso da qualche anno, ha lasciato una ricca ed intensa produzione di raccolte poetiche ed opere teatrali. Sullo sfondo della natia Sciacca e dell'assolato panorama siciliano, la semplicità dei suoi versi trova, con felice alternanza, contenuti romantici e momenti di realismo, si veste d'ironia e si scopre elogiaca, si fa nostalgica e, tuttavia, si mantiene sempre "impegnata". Ho voluto pubblicare questa sua poesia dedicata a Mazara del Vallo, che amò tanto e che avvicinò in un ideale gemellaggio alla Sua Sciacca nel segno del mare e di un comune destino, perchè forse pochi la conoscono e perchè merita di essere ricordata.



Di tutt'altro genere è quest'altra poesia. Scritta da un mazarese che ha vissuto a lungo in Lombardia lontano da Mazara del Vallo,
Vincezo Valenti, [architetto, 20/10/17 - 25/10/97]

Amara Mazara

Mazara! Mazara mia!
Mio primo amato pianto
e triste Primavera,
truce è la tua voce
e suono duro mo tormenta
negli alti tuoi lamenti.
Uomini veri più non vedo,
nè dolci voci più non sento,
ma latrare di cagna morsa
che dai figli suoi,
violenta violenza,
con spavalda tracotanza
e nera ignoranza,
ognora subisce.
E, come vile merce,
senza pudore alcuno,
di te, bordello fanno.
Mazara, cara Mazara,
quanto fango, invece,
vedo:
lurido fango di fogna,
di orrendo fetore letale,
che tutta ti copre
ed ogni tua beltà,
di tanta Sacra Storia,
con ignominia, occulta.
Di quell'Adria Grande,
di Tommaso e di Luigi,
di Vito e Vati tuoi,
di uomini e donne tutti,
alto un grido tuoni,
e, di eco in eco, si ripeta
per ogni valle e monte,
tal che pura luce,
da te, risplenda ancora.
Piangi Mazara, piangi,
lacrima di fuoco rovente
dal tuo ciglio scorra,
in ogni tana o covo,
sì che immenso rogo
in alte fiamme s'alzi
ed ogni vile stirpe
di serpi e lupi voraci,
come nera pece,
in te, con atroci pene,
bruci.




Inno di Mazara

Và canto pieno di allegria,
dove c’è il sol, il nostro sole d’oc.
Và musica di poesia,
porta con te, sempre con te, l’amor.
Son note ricche d’armonia,
che noi doniam, che noi cantiam a te.
Và canto d’amore, và
Con la felicità che noi sentiamo in cuor
La canzone del tuo mar,
che tutti fa vibrar
di gran passione per te

Mazara del Vallo,
col tuo nobile stemma normanno,
cantiamo, cantiamo,
le tue gesta, la gloria che fu.
Portiamo nel petto
Una fede che buoni ci fa;
là, nel tempio sacro, là,
l’Immacolata sta per noi sempre a vegliar,
c’è San Vito in quell’altar,
che vigila a pregar da Santo Protettor.
Viva Mazara, Mazara del Vallo!


L' inno venne realizzato dal prof. Vittorio Trieste Giarratana su commissione di alcuni emigrati in San Diego di California. I delegati del "Mazara del Vallo Club", tra cui il vice presidente pro tempore Leonardo Ingrande, affidarono il compito di realizzare, dirigere i lavori e sovrintendere all'incisione del brano al musicista nisseno.


Il maestro nacque a Caltanissetta, si laureò al Conservatorio di Musica di Palermo e acquisì un master in pianoforte e violino. Inoltre conseguì una laurea in composizione al Conservatorio di Santa Cecilia in Roma. Laurea ad honorem in Filosofia, Letteratura e Storia all'Università Cattolica di Milano. Ebbe tanti successi professionali e nel 1962 giunse negli Stati Uniti d'America con un contratto con "Metropolitan Opera House"- Successivamente fu direttore del dipartimento operistico dell'università statale di New York, fino a quando non si trasferì presso l'università californiana di Los Angeles.

Vele
Io vi vedo allontanare
vele bianche, ad una ad una...
dove andate? In alto mare
dove il vento vi raduna?
Non andate: la sirena
à una triste cantilena!
Non andate, vele bianche!
Nel silenzio antelunare
ora sento il tremolare
d'un sighiozzo, che lontano,
più lontano, giù nel mare
lento dondola, si piega,
trema ancora e poi s'annega!
Ritornate, vele bianche!
Suona lieve la campana...
e il rintocco sonnolento,
s'avvicina, s'allontana,
lento lento, lento lento.
L'onderella a la scogliera
à un sussurro di preghiera!
Vele bianche ch'attardate:
ritornate, ritornate!
               Franco Caracci

Nessun commento:

Posta un commento