giovedì 27 marzo 2008

Enzo Gunnella



AL RITORNO

(canto per Mazara)


Tra i vicoli della città araba
ho rincorso il tempo
scolpito nel barocco
consumato delle tue rughe.
Tufi tarlati da salsedine, dal vento
gli anni inesorabili
a suggere lenti,
pietre di miele,
mentre seppur smunti,
seni di cupole saracene
ostentavano gli ultimi riverberi
al declinar di splendori antichi.
E là, nella casbah abbandonata,
preda di nenie indolenti,
improvvido partecipo
a rinnovata conoscenza:
gli amici, le palme, la marina,
dal mare al ritorno
la luce dei lampioni
ora allunga le ombre
delle muse inquietanti
delle mie insonnie,
alla resa ineluttabile del rendiconto.



UNO, NESSUNO
(a Tommaso, l’OMOCANE)

Grigio marmoreo
sotto San Vito
statua silente,
giaciglio di cartone,
non cane rabbioso
ma schivo migrante
saturo di scirocco
e brezze di libertà.
Re vagabondo
senza maniero
per vicoli e piazze
a smarrire identità.
Sacca e bastone
e cipiglio severo
davanti a Ruggero
chino non certo
a svelare il suo mistero.
Uno, nessuno,
come solo compagno
il fumo umile
di cicche consunte.
Naufrago viandante
di oscuri destini
di te mi riporta
il vento alfine
memoria vaga
di un tempo di confine.





Malincunia 

Era la nostra ggiuvintu’
bedda e spinsirata,
era l’acqua di lu mari
frisca e profumata
comu pampina di rosa
da lu ventu ciuciuliata.
E la notti arricriata,
doppu lu stringiri e l’abballari
(a lu Golden Rock
un ti lu po scurdari),
a l’arora era assicutata
da l’abbaiari di li cani:
li ammi addiccati
a curriri versu lu dumani.
Ora, li musculi fiacchi 

e la testa annigghiata,
doppu tantu mal’agghiuttiri
e tant’acqua assuppata,
è la bestia di la nostalgia
chi ti pigghia lu cori,
cu muzzicuna di duluri
c’immisca la malincunia.


Via Garibaldi

Comu si chiamava? 
Chiù un mi ricordu.
E chi vuci avia?
P’amuri eru surdu.
Ma quannu la viria
‘n menzu a la fudda
lu cori a curriri si mittia
comu un cavaddu.
E a la secunna taliata
(un pocu chiù sfacciata)
l’amici mi dicianu:
“Ora, è la to zita”.
E già, chi tempi:
la lingua muta,
lu ciriveddu chiusu
e la faccia avvampata.
E chi cunfusioni era
la passiata di duminica
o a la festa cumannata.
Mah, un ti ricordi?
Era sulu aieri,
in via Garibaldi
avanti e arreri,
quantu scarpi spardati
quantu suspiri fuiuti:
amuri picca e fattu
di taliati e cori m’ucca.




Il Vecchio campanile 
(S. Francesco)

Sono partiti in tanti,
quasi tutti.
Cancelli in ferro
e catenacci alle porte,
chiusi i contatori,
le luci spente
e le speranze disperse
come nuvole
al vento dei tramonti.
Solo è rimasto
il vecchio campanile
a scrutare dall’alto
la marina, il porto
e le case senza penitenti
mentre la campana,
memore di corse allegre
e vociare di gioventù,
con suono martellante
non s’arrende e ancora
chiama a raccolta
l’ormai svuotata
e smunta mia città.


Mazara dentro

Io, quando ritorno
stanco e assetato
di te, lontana,
di tua bellezza
voglio fare il pieno.
E poi, ovunque vada
portare con me,
dentro, in seno,
in trasparenza vana,
la tua assenza.
Le case, le chiese
scolorite dal sole,
le barche e gli odori,
le strade dei ricordi,
la storia, il mare, i colori.
Uno strascico lungo
di materna lisa rete
che raccoglie i resti
di un vecchio marinaio
che non ha mai quiete.


Rarici

Parlu parlu
e gira e firria
dicu sempri di tia,
vaiu pi avutri mari,
cieli e muntagni
e pensu a la terra mia.
E cchiù m’alluntanu
cchiù sti radici
mi teninu strittu
a lu paisi di meli
chi è lu me aieri,
comu na calamita
d’amuri duci
e di malincunia.


La valiggia

La valiggia di chiummu
e ‘na lu cori ‘nserra
nu bucu ranni
quannu lu mari funnu,
li peri ‘ncuddrati
pi sempri a la terra,
unni vonnu sapiri
di pàrtiri luntanu.
La to casa, li to amici
ta to beddra Mazara
t’ha tocca lassari,
‘na la testa calata
un sulu pinseri,
pisanti comu ‘na balata:
puru scausu
vogghiu turnari.







Note Biografiche
Nato a Mazara il 19 luglio 1952, dal 1979 vive a Perugia dove si è trasferito per motivi di lavoro.
Per anni ha collaborato alle pagine culturali de “IL GIORNALE DEL’UMBRIA”, del settimanale “UMBRIA SETTE GIORNI” e del mensile “GOOD MORNING UMBRIA”.
I suoi scritti (racconti e poesie anche in dialetto) parlano della sua terra natia. Ha pubblicato la silloge “Piccole luci” nel 1995 e la raccolta di poesie “Un naufrago altrove” nel 2005.




-->

Nessun commento:

Posta un commento