mercoledì 17 aprile 2013

Ristoranti

Negli anni Cinquanta e Sessanta, il Comune, proprietario della Sala "Alhambra", l'affittò per usi commerciali. Il sig. Gaspare Lamia da Trapani, vi insediò il ristorante "Miramare", ne fece un posto rinomato per le zuppe di pesce e per buonissimo Cuscus, oltre alle tipiche specialità siciliane.


Si vede l'insegna del ristorante Miramare


Il Pesciolino Rosso
(spiazzale alle spalle della chiesa di San Vito extra moenia)

Realizzato dal mazarese Vincenzo Lanza, un grosso commerciante di prodotti ittici, fu in auge negli anni Sessanta. Vi si poteva mangiare il miglior pesce pescato nel Mediterraneo e cucinato in modo eccellente. Il locale era stato realizzato in modo approssimativo (struttura in legno ferro e vetro), per vedere se poteva andare. Ebbe un enorme successo tanto che il sig. Vincenzo non potendo occuparsi a tempo pieno del ristorante e della sua attività primaria, lo cedette al suo cuoco Mario.
Questi ebbe l'infelice idea di demolirlo (prima di consultarsi con i tecnici) per poterlo riedificare in struttura fissa in muratura, ma trovò l'amara sorpresa che la Capitaneria di Porto non concesse i permessi necessari e quindi non venne più realizzato. Mario in seguito realizzò un altro locale "La Fattoria", ma con ben altre caratteristiche in contrada Banna (zona Tonnarella)

La Rotonda - Ieri l'altro



Un tempo ottimo ristorante panoramico con  sala cerimonie, con vista sul mare. Venne realizzato dai fratelli Frazzetta (proprietari dell'omonimo bar di piazza Porta Palermo) negli anni sessanta. Oggi è in uno stato pietoso d'abbandono e aspetta solo di essere demolita




L'abbandono


Interni - il degrado


Novembre 2011 - La fine
L'amministrazione Cristaldi finalmente, dopo anni di abbandono, decide di concerto con l'Amministrazione Provinciale di demolire i locali ormai fatiscenti  e di realizzare un "Belvedere" sul bellissimo litorale. 
Le fasi di demolizione











2014


Il Belvedere
 

Alcune foto storiche
Novembre 2008
Per nascondere la "vergogna" l'Amministrazione civica trovò la soluzione  di occultare il tutto con una bella "quacinata

2 gennaio 2000


Anni Ottanta
In via Castelvetrano 191


Dopo un lungo tempo trascorso in un locale di via Vittorio Veneto, il cuoco Mario si trasferì in un locale periferico in contrada Sicomo, dove aprì una Fattoria, con tanto di animali

Trattoria - Pizzeria
Questo locale era ubicato nel Lungomare Giuseppe Mazzini. Si si accedeva anche dalla via Carmine 11. Chef Paolo Di Dia

Nessun commento:

Posta un commento